I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Clicca Qui per ulteriori informazioni.

 Lino Guanciale alle Marconi per la Giornata della Memoria

Quest’anno la Giornata della memoria ricade nell’80^ anno successivo alle Leggi razziali; e pochi giorni fa il Presidente della Repubblica ha nominato senatrice a vita Liliana Segre. Le sue parole dopo la nomina sono un faro che illumina il lungo percorso dell’IC 10 che si dipana tra la scelta di diventare Istituto comprensivo per l’educazione alla Pace e alla Nonviolenza, il tributo alla memoria della Shoah che si è tenuto il 24 gennaio presso il Forum Monzani e il viaggio lungo un anno che porterà, per il 4^ anno consecutivo, tutti i ragazzi delle classi 3^ in visita alla Maison d’Izieu ad aprile.

 

 

L’indifferenza uccide più della violenza; l’indifferenza non ti guarda in faccia, si volta dall’altra parte”; “L’oblio sulla Shoah è come il mare che si chiude sopra i barconi dei migranti” (L. Segre).

E in questo viaggio lungo un anno, capita di fare incontri inaspettati. Capita di ricevere doni enormi.

 

Uno di questi incontri si è svolto oggi in aula magna tra i ragazzi delle classi 3^, che stanno affrontando il tema delle agenzie ONU e in particolare dell’UNHCR (agenzia che si occupa dei rifugiati), e Lino Guanciale, testimonial UNHCR che da poco è stato in missione in Libano e che presto partirà per una nuova missione in Africa.

La sua testimonianza, in questo giorno particolare, ha squarciato l’oblio, ha aperto gli occhi su realtà inimmaginabili. I ragazzi che al mattino avevano riflettuto sulle parole di Umberto Eco “Cari ragazzi, ringraziate di essere europei …” hanno ascoltato con molta   partecipazione i racconti del viaggio di Lino. Hanno potuto vedere con gli occhi di Lino quello che accade a poca distanza dall’Europa, dall’Italia. E noi insegnanti, che li accompagniamo in questo pezzo di crescita, siamo certi che non lo dimenticheranno mai.

 Un grazie particolare a Lino Guanciale che, in un periodo di lavoro molto impegnativo, ha trovato il tempo per stare accanto ai nostri ragazzi.